26 settembre 2013

Immagine

un posto speciale

Annunci

2 settembre 2013 – Arena di Verona

Ore 12,18. In una splendida mattinata di fine estate si parte verso Verona, certi che anche questa sarà una giornata da conservare fra i ricordi più belli.
Dai resoconti del concerto di domenica a Firenze abbiamo già una buona idea sullo scenario che si aprirà stasera ai nostri occhi, ma probabilmente il fascino dell’Arena non potrà che rendere ancora più magico l’evento.
A più tardi… Il Viaggio prosegue…

È già domani ormai… Sono le 02,32 del 3 settembre. Di nuovo in viaggio lungo l’autostrada per rientrare a casa dopo una serata davvero unica, spettacolare nella sua totalità…
Entrare in Arena per un concerto è di per sé un’emozione indescrivibile che si espande nel corso della serata mentre affascinati dallo spettacolo attendiamo trepidanti che Carla salga sul palco.
La magnifica esibizione di Antony ci lascia estasiati… La sua voce emoziona profondamente ed il suo carisma ci attraversa con delicatezza.
Dopo una breve pausa Franco Battiato inizia la sua parte di concerto e ci immergiamo in tutt’altra atmosfera con i più famosi brani del suo repertorio passato. Solo due o tre pezzi da Apriti Sesamo. Sicuramente entusiasmante e coinvolgente…
E poi… E poi arriva Carla… Ed il Tempo si ferma… ed insieme il respiro…
La realtà non esiste è il titolo del bellissimo brano di Claudio Rocchi -recentemente scomparso- che Carla interpreta magistralmente insieme a Battiato. Segue poi I treni di Tozeur ed infine da sola ci regala una magnifica versione di Il vento caldo dell’estate, che conserva intatto il suo fascino, immutato nel tempo.
Un Tempo troppo breve, ma sempre magico.

foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli

foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli

 

foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli foto di Flavio Francescangeli

SEPTEMBER 2, VERONA ARENA

Translation by Davide Andreis

12.18 PM   In a beautiful late summer morning we leave for Verona, sure that this will be a day to be kept among our best memories.

From the reports of the Sunday concert in Florence we already have a good idea about what to expect tonight, and most probably the charm of the Arena will only make the event even more magic.

2:32 AM, September 3  Back on the road on the highway to return home after an evening truly unique, spectacular in its entirety…

Stepping into the Arena for a concert is an indescribable feeling that expands during the evening while, fascinated by the show, we wait anxiously for Carla to take the stage.

Antony’s wonderful performance delighted us… His voice moved us deeply and his charisma invaded us gently.

After a brief pause Franco Battiato began his part of the show and we got taken into a completely different atmosphere with the most famous songs from his repertoire of the past. Only two or three songs from ”Apriti Sesamo”. Definitely exciting and addictive…

And then… And then along came Carla… And the time stopped … and our breaths too…

“La Realtà non Esiste” is the title of the beautiful song by Claudio Rocchi –recently passed away- that Carla performed masterfully with Battiato. This was followed by “I Treni di Tozeur” and finally, Carla solo gave us a magnificent version of “Il Vento Caldo dell’Estate”, which preserved its charm, unchanged over time.

A short time, but always magic.