Viaggio in Italia. 23 marzo 2004, Mestre – Teatro Toniolo

23 marzo 2004   Mestre – Teatro Toniolo

Un’altra giornata di pioggia… ultima data del tour. Eppure non sento la tristezza che di solito accompagna questo evento. E’ come se sentissi che sarà una data speciale.

       

Avverto un’impalpabile euforia prima dell’inizio…forse perchè tendendo l’orecchio alla sala dove Carla sta facendo le prove ascolto, fra incredulità e dolcissimo stupore, le prime note di quel pezzo che fin dal primo ascolto ho sognato cantato da lei: La cura. L’entusiasmo è alle stelle, impossibile nasconderlo. E la ragazza della biglietteria, che sta per chiudere le porte, forse commossa proprio da questo entusiasmo, fa entrare me e i miei compagni di viaggio nella sala del teatro.

In un’atmosfera sospesa e da sogno ad occhi aperti godiamo a fondo di questa anticipazione.
Ormai non penso ad altro e l’attesa dell’inizio si fa sempre più impaziente.

Si apre il sipario…   Un blasfemo… Che strana sensazione le prime note del pezzo che apre un concerto… E’ come se quel momento non fosse mai vero fino in fondo. Il primo pezzo è quasi sempre più sognato che vissuto. Così ogni volta che ascolto Un blasfemo inevitabilmente lo associo al momento magico e quasi surreale in cui si apre il tendone del teatro. Sì, Un blasfemo ha il sapore incantevole di quell’attimo, le sue parole taglienti sono l’aria fredda che si percepisce all’apertura del tendone, forse per il contrasto con il calore artificiale del riscaldamento presente nel teatro.
E’ bellissimo l’ultimo concerto di questo mini-tour. Carla ricambia il calore del pubblico con gioia e con una passione nell’interpretazione che è possibile raggiungere completamente solo quando l’artista e il suo pubblico stanno parlando la stessa lingua, stanno vivendo, da due prospettive diverse, le stesse emozioni.
E a questo pubblico meraviglioso, composto e passionale nello stesso tempo, Carla regala il momento più intenso di tutto questo tour, La cura.
 Carla canta per il puro piacere di farlo, per offrire un dono a se stessa e al pubblico che la ama. Ed è magia, è incantesimo, è tempo che si vorrebbe fermare e far ricominciare a proprio piacimento. Voce e pianoforte in un crescendo di brividi indimenticabili. Grande, davvero grande Tafuri… non dimenticherò mai questi istanti… 
E in questo connubio perfetto di musica, poesia e sogno svaniscono anche i ricordi delle disavventure che hanno accompagnato questo tour: chilometri e chilometri in poche ore, tanto sonno perso e cellule cerebrali definitivamente compromesse:), neve, tanta neve, pioggia, freddo, raffreddori e bronchiti, furti subiti all’autogrill…
 La cura, questo straordinario regalo, si chiude in un crescendo strepitoso alle tastiere (da…infarto!!!!) e ci da la forza per affrontare un altro lungo ritorno a casa.


A presto Carla… con te nel resto del Tempo!

Il concerto

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Viaggio in Italia. 2 marzo 2004, Forlì – Teatro Diego Fabbri

2 marzo 2004  Forlì – Teatro Diego Fabbri

Ci sono attimi in cui tutto quello che faccio mi sembra non abbia un senso. Perchè è difficile trovare un senso ai gesti quando vorresti sono il calore di una carezza. Tutto il resto sembra un palliativo sterile, una presa in giro…
Con questi sentimenti nell’animo parto per Forlì. Non ci speravo più dopo la nevicata del giorno prima e invece… vorrei qualche volta pensare solo all'”attimo”. Il futuro non ci appartiene e a volte “anche ciò che appare più terribile acquista la sua dimensione naturale”.
L’arrivo a Forlì placa per un attimo il mio malumore. Faccio scorta di quotidiani locali e con immenso piacere leggo le pagine dedicate a lei.
      

Entro nel clima del concerto e vivo sensazioni che da anni rendono più dolci anche le giornate più cupe. Poi, poco prima del concerto, le mie malinconie incontrano lo sguardo di un amico. Nella penombra di un bar, fra un panino e pop corn si crea la magia dello scambio emotivo ed è stato bello quando scherzando ci siamo guardati e ci siamo detti: “e se restassimo qui a vedere il Festival di Sanremo?”.
Ma al Teatro Fabbri ci aspettava un’altra serata dei sogni.     

L’ho vissuto con ogni mia cellula questo concerto, ne ho assorbito ogni frammento, l’ho assunto come una medicina dell’anima…la mia cura… Solo per un attimo il gelo si è affacciato ancora alla mia coscienza, poi la catarsi… 


Col tempo sai, col tempo tutto se ne va


E ti senti il biancore di un cavallo sfiancato

In un letto straniero, ti senti gelato,


solitario ma in fondo in pace, in pace col mondo


E ti senti ingannato dagli anni perduti


Allora tu, col tempo sai non ami più.

In tanti anni non mi era mai capitato di vivere la giornata di un concerto con questo stato d’animo. Il 2 marzo ho capito quanto sia meravigliosa, per quanto fugace, la sensazione del tempo sospeso…
Poi il concerto finisce…troppo lungo il viaggio di ritorno per far tacere questo immenso bisogno di pienezza, di calore bruciante…
Arrivederci a Mestre, Carla, che questi 21 giorni volino via veloci come il vento!

Il concerto

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani

Foto di Cristina Paesani