Viaggio in Italia Tour 2018 – Modena 28.08.18

700km tra andare e tornare, tutto in meno di 24 ore, per restare fedeli alla nostra tradizione di viaggiatori da concerto…
Appena arrivati facciamo un giro di perlustrazione dell’ampia zona dove si terrà il concerto, ma vista l’ora – le 12.30 –  e il sole a picco, lasciamo la ‘landa desolata’Schermata 2018-08-30 alle 22.07.59
e andiamo a fare qualche scatto a Modena centro,  non prima di esserci rifocillati (si fa per dire) con un aperitivo-selfie
Schermata 2018-08-30 alle 22.11.48.png
Mauro ci intercetta grazie alla nostra dipendenza da social e mentre ci scattiamo l’ennesimo selfie in Piazza Grande, ce lo ritroviamo alle spalle col suo sguardo sornione 🙂
Così ci fa anche da Cicerone mostrandoci il Duomo con la Ghirlandina, ed il Palazzo Ducale. In realtà ci offrirebbe anche qualcosa da bere, ma… no grazie, per ora abbiamo gia dato 😉

 

L’attesa sarà lunga, ma lo scorrere del tempo è un concetto immateriale, e la sera arriva presto, quasi senza accorgercene…

Programma
Un blasfemo
Atlantide
Lindberg
Non insegnate ai bambini
La realtà non esiste
Auschwitz
Dammi la mano amore
Almeno pensami
Il cielo
Il contatto
Autunno già
Febbraio
L’era del mito
Nomadi
La cura
A ‘cchiu bella
Morire d’amore
Veleni
Il sole nella pioggia
I treni di Tozeur
Il vento caldo dell’estate
Per Elisa

Viaggio in Italia Tour – Le foto

01_MODENA AL02_MODENA03_MODENA04_MODENA05_MODENAMODENA ANTDSC_9994_0©DSC_9644_BN©DSC_9672©DSC_9722_BN©DSC_9752_BN©DSC_9763©06_MODENADSC_9997©DSC_9953_BN©DSC_0049_BN©

 

Notte Sacra 12.05.18 Roma

Schermata 2018-05-14 alle 14.10.15

Nell’ambito della manifestazione Notte Sacra, fatta di concerti, incontri, momenti di preghiera svoltisi dalle 19 di sabato 12 maggio alle 9 di domenica 13 nelle chiese del centro storico di Roma, Alice ha proposta un breve concerto nella splendida chiesa di Sant’Andrea della Valle, che gli amanti dell’opera lirica ricorderanno per essere stata scelta da Puccini come ambientazione del primo atto di Tosca.

Il nostro viaggio questa volta è stato breve e piacevole, arrivare a Roma senza impiegare ore per percorrere tratti di strada esigui è quasi una goduria 😀

Il pomeriggio scorre lentamente all’interno della chiesa mentre fervono i preparativi della serata

Nel programma breve di questa sera Alice inserisce anche L’era del mito e Pie Jesu.
Con lei sul palco Carlo Guaitoli e Antonello D’Urso.

Difficile descrivere le emozioni… il luogo già di per sé suscita sensazioni intense, ascoltare Alice in questa atmosfera è qualcosa che trascende il senso delle parole, lasciamo alle immagini il compito di provare a trasmettere ciò che le parole scritte non riescono a fare…

PROGRAMMA

1943
Aspettando mezzanotte
Dammi la mano amore
La realtà non esiste
L’era del mito
Lindbergh
Morire d’amore
Pie Jesu
Nomadi
La cura
Veleni

Le nostre foto
(Piccola nota: non abbiamo foto singole del Maestro Carlo Guaitoli perché i posti che occupavamo non avevano una visuale libera in quella direzione, ci rifaremo ai prossimi concerti!)

Schermata 2018-05-14 alle 14.15.48DSCF6539_BNDSCF6549Schermata 2018-05-14 alle 14.18.16Schermata 2018-05-14 alle 14.15.27DSCF6553DSCF6554_BN©Schermata 2018-05-14 alle 14.14.59DSCF6566_BN©DSCF6568_BN©Schermata 2018-05-14 alle 14.14.25DSCF6581_BN©DSCF6606©DSCF6609_BN©Schermata 2018-05-14 alle 14.16.06Schermata 2018-05-14 alle 14.16.37DSCF6574_BN©DSCF6614©DSCF6620_BN©DSCF6626©Schermata 2018-05-14 alle 14.14.45DSCF6650_BN©DSCF6669_BN©

 

Le parole del giorno prima 09.05.18 Cine Teatro Palladium, Lecco

Schermata 2018-05-11 alle 17.26.46
La sveglia alle 4 di mattina, il Viaggio, la strada, le soste all’autogril per un caffè al volo.
E poi le risate, l’acquisto di un ombrello perché può sempre servire (e servirà),
il navigatore che ci fa girare e perdere dentro Lecco per un’ora, prima di “portarci” in albergo.


È 
così difficile scrivere, raccontare una storia dopo che la si è vissuta.
Ogni parola sembra togliere qualcosa all’intensità del momento, ad ogni attimo che precede un concerto e alla bellezza di quello che è il fulcro, lo scopo del viaggio:
il Concerto di Carla.

Quasi due ore di concerto trascorse troppo presto, in un alternarsi elegante e sobrio di musica e poesia. Un gioiello incastonato in un prima fatto di attesa e condivisione e in un dopo fatto di nuovi luoghi da visitare, prima di rimettersi in cammino verso casa con tanto Amore nel cuore… quello trasmesso da chi ama attraverso la Musica, quello ricevuto da chi ascolta con il cuore e quell’Amore lo restituisce intatto.

PROGRAMMA

Un blasfemo
Atlantide
Lindbergh
Non insegnate ai bambini

Lettura dal settimanale Vie Nuove n42, 28-10-1961 Dialoghi con Pasolini

La realtà non esiste
Dammi la mano amore
Almeno pensami
Il cielo
1943

Lettura di una poesia di P.P.Pasolini, da Poesie inedite 1950-51

Autunno già
Febbraio
Al principe
La recessione

 

Lettura di una poesia di Pierluigi Cappello da Azzurro elementare, Poesie 1992-2010

Assaggia dalle mie dita un po’ di quest’acqua
di questa che ha ancora sapore di nuvola
che tornerà nuvola
c’è come una desinenza concorde
un muto cospirare di cerchi
in questo alfabeto
e cosí anche tu tornerai
come passi adesso che passo
senza toccarti
è la medesima semplicità del sasso
pronta a risolversi in polvere
è la medesima semplicità del silenzio
il silenzio, soltanto, perfetto.

Aspettando mezzanotte
Nomadi
La cura
A’cchiù bella
Morire d’amore

 

Lettura dal racconto  “La mela di Newton”  in “Il dio del mare”
di Pierluigi Cappello

[…] Verrà l’inverno, la più metafisica delle stagioni. La più propizia all’immaginazione e alle amicizie. La terra si farà bruna, i rami si faranno neri, le erbe e le stoppie, tutto il mondo piegherà le vertebre al sonno. Soltanto il vento taglierà le nuvole. Nevicherà, se farà abbastanza freddo: allora la terra e il cielo si confonderanno, la neve cancellerà siepi e muretti, i confini delle villette qua attorno. Dentro gli appartamenti c’è già chi si affiderà alle paraboliche per essere ancora più solo, io mi affiderò alle parole per raffigurare il suono della neve. Fra tutte sceglierò le lettere più morbide –la lettera a, la lettera e, la lettera o, la elle, la emme, la enne – e le parole che ne siano più ricche; cercherò di disporle con cura, in giaciture che ricordino le sinuosità distese di una donna in penombra, poi, scostando le tende della finestra, più ampia, confronterò il bianco del foglio col bianco dell’inverno e forse, nel farlo, mi commuoverò, perché commuoversi non significa piangere, ma muoversi insieme alle cose, averne il medesimo ritmo, il medesimo passo, il medesimo polso; forse lascerò lo sguardo andare nella neve, lo lascerò libero nel bianco, con la disposizione dell’amante che si lascia annientare dalle carezze di chi è amato, un piede, un nuovo piede nella neve e l’orma si farà ombra e tutto, per un istante, sarà dimenticato, alle mie spalle il primo – l’imo – lampo di carbonio che ci precipitò alla terra “nudi”.

Anin a gris
Veleni

BIS

Il sole nella pioggia
I treni di Tozeur

Le nostre FOTO                                 

DSCF6274_BNSchermata 2018-05-10 alle 23.02.29Schermata 2018-05-10 alle 23.03.10Schermata 2018-05-10 alle 23.03.23Schermata 2018-05-10 alle 23.03.45DSCF6419Schermata 2018-05-10 alle 23.04.00DSCF6442Schermata 2018-05-10 alle 23.04.26DSCF6336DSCF6317_BNSchermata 2018-05-10 alle 23.04.39Schermata 2018-05-10 alle 23.05.29DSCF6304DSCF6417DSCF6424DSCF6427

 

Alice ospite di Ron a Sanremo 2018

Un post di Alice sulla pagina officiale Facebook annuncia la sua partecipazione, in qualità di ospite di Ron, alla serata dedicata ai duetti dei cantanti in gara.
La canzone, un inedito di Lucio Dalla, si intitola Almeno pensami.
Il 9 Febbraio 2018 tutti sintonizzati su Festival di Sanremo!

Schermata 2018-01-19 alle 20.18.47

Alice a San Miniato, Chiesa di S.Domenico – 17.12.17

Il nostro viaggio inizia come di consueto con uno sguardo al percorso, che stavolta non ci spaventa affatto, a/r si può fare quasi ad occhi chiusi 😀

IMG_E4229

Una giornata di sole ci aspetta dopo giorni di pioggia e arrivati a S.Miniato facciamo un giro di perlustrazione, il paese è molto carino,  entriamo nella Chiesa che ospiterà il concerto per dare giusto un’occhiata…
CHIESA IMG_4215
Un buon pranzetto e ci dirigiamo al belvedere della Torre di Federico da dove il panorama si estende a perdita d’occhio, grazie anche alla giornata limpida.

Nel nostro girovagare pomeridiano e pre-concerto insieme ai ‘soliti’ amici 😉 abbiamo sperimentato un bar dove si godeva di una bella vista, una enoteca con cucina (dove abbiamo pranzato ottimamente, ma altrettanto non si può dire dell’aperitivo assai striminzito e ridotto ad un prosecco con pane e buon olio toscano), ed una pasticceria che abbiamo tutti quanti gradito facendo incetta di paste con panna e cioccolato e di buonissimi cantucci, il tutto condito dalle nostre chiacchiere alcooliche…

Prima che la notte avvolga tutto, torniamo al belvedere e ci godiamo il tiepido tramonto decembrino.

Schermata 2017-12-18 alle 20.00.25
Manca ancora qualche ora alle 21, come detto sopra girovaghiamo tra i tre localini per riscaldarci un po’ e far scorrere il tempo mentre Carla continua le prove in Chiesa


Programma della serata

L’atmosfera nella Chiesa di S.Domenica è davvero suggestiva,
il concerto si apre come da programma, Alice è un po’ giù di voce, ma questo non le impedirà di emozionare tutte le persone che gremiscono la Chiesa.
Oltre ai brani segnati nell’opuscolo, dopo Tante belle cose  viene inserita La Cura, che Alice dedica con grande commozione a Franco Battiato.
L’esecuzione è delicata, sospesa nello spazio, lieve e potente allo stesso tempo; sussurrata con emozione evidente, come chiaro a tutti è l’Amore che Carla riserva a questo brano, a tutto ciò che rappresenta. Il pianoforte suonato dal Maestro Carlo Guaitoli non fa altro che sostenere e sottolineare questa emozione, che noi stessi ascoltando in silenzio, ed io col respiro trattenuto, viviamo intensamente.

Il concerto si chiude con due bis natalizi
Adeste fideles, proposta in una versione deliziosa, in cui l’arpeggio appena pizzicato della chitarra di Antonello D’Urso offre un tappeto soffice dove la voce di Alice fluisce con leggerezza e sacralità;
Have Yourself a Merry Little Christmas’, canzone pop scritta nel ’43 ed incisa per la prima volta da Judy Garland.

Le foto

DSCF5121_BN©DSCF5122©25398159_1117736708357420_4309564899770634673_o25398186_1117736625024095_3594260192139635237_oDSCF5128_BN©DSCF5144_BN©DSCF5169_BN©DSCF5223©
25438742_1117736171690807_6181832277340498095_o25587043_1117735998357491_9197344806712224686_o(1)
DSCF5226©DSCF5228_BN©DSCF5238©
25438959_1117736515024106_8119113654653968454_o25488153_1117736268357464_2207060676256656261_o
DSCF5267©DSCF5280©DSCF5291©DSCF5292_BN©DSCF5299©DSCF5317_BN©
25531891_1117736038357487_5748526122779560702_o(1)25587026_1117736355024122_5637567445758488151_o
DSCF5320©DSCF5324©DSCF5330©DSCF5343©

Alice – Concerto di Natale, San Miniato (PI) 17.12.17

dscf0315_
Alice sarà la protagonista del Natale della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, per il tradizionale concerto nella Chiesa di San Domenico in programma il 17 dicembre, alle 21.
L’artista proporrà un viaggio nell’ambito della canzone d’autore di epoche e culture diverse, un concerto che si compone di più parti, tra loro ben connesse, ognuna dedicata ad ambiti diversi: una alle canzoni d’autore italiane e un’altra ancora a song in lingua straniera, composte da autori inglesi e americani contemporanei . Nel recital non mancheranno alcuni “Brani Natalizi” , preparati per l’occasione, che renderanno questa esibizione veramente unica ed esclusiva.  Ad accompagnare Alice (voce, pianoforte e tastiere) due musicisti d’eccellenza: Carlo Guaitoli (pianoforte e tastiere) e Antonello D’Urso (chitarre e programmazioni).

L’evento, gratuito con ingresso su prenotazione, è organizzato dall’Associazione Community News. Coloro che vorranno assistere al concerto dovranno inviare una mail al seguente indirizzo info@communitylive.it oppure telefonare al numero 339-8556862 dalle 9 alle 12,30 e dalle 15 alle 19.